Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - Sezione Roma2 - Geomagnetismo, Aeronomia, Geofisica Ambientale


Unità Funzionale “Laboratorio di Paleomagnetismo”

Personale dell’Unità Funzionale
Leonardo Sagnotti Dirigente di Ricerca
Responsabile UF
Laura Alfonsi Primo Ricercatore
Jaume Dinarès Turell Primo Ricercatore
Fabio Florindo Primo Ricercatore
Fabio Speranza Primo Ricercatore
Aldo Winkler Ricercatore
Antonio Cascella Ricercatore
Patrizia Macrì Ricercatore
Alessandra Venuti Ricercatore
Marco Maffione Dottorando

Il laboratorio di paleomagnetismo dell’INGV deriva direttamente dalla struttura costituita a partire dal 1990 nel precedente Istituto Nazionale di Geofisica, con l’intento di colmare una lacuna importante nel campo delle discipline geofisiche sviluppate nell’Istituto.
Nel corso degli anni, il laboratorio di paleomagnetismo dell’ING-INGV è progressivamente cresciuto sia in termini della strumentazione installata, sia in termini del personale impiegato, tanto da costituire attualmente la maggiore struttura italiana nel settore ed uno dei principali laboratori a livello internazionale. I ricercatori afferenti al laboratorio hanno progressivamente maturato una considerevole esperienza scientifica nel campo del paleomagnetismo, del magnetismo delle rocce e del magnetismo ambientale. Il laboratorio opera da anni con un certo successo in vari grandi progetti internazionali ed è coinvolto in numerose collaborazioni dirette o indirette con Università ed Enti italiani. Le attività di misura e di ricerca hanno portato alla pubblicazione di numerosi articoli scientifici che hanno assicurato al laboratorio una notevole visibilità scientifica. Il laboratorio di paleomagnetismo dell’INGV ha inoltre acquisito il ruolo di struttura di riferimento per il settore ed ha ospitato numerosi visitatori provenienti da diverse università ed istituzioni scientifiche italiane ed internazionali per periodi più o meno lunghi di misura, a testimonianza del rilievo scientifico internazionale che il laboratorio ha progressivamente acquisito.

Il laboratorio di paleomagnetismo dell’INGV si caratterizza per una particolare coesione sia dei temi di ricerca trattati, sia della strumentazione utilizzata, sia, non ultimo, per la collaborazione ed integrazione del gruppo di ricerca che vi afferisce.

Si rileva inoltre come, anche in ambito internazionale, il paleomagnetismo si venga generalmente a costituire come una disciplina autonoma, distinta dagli altri settori di Scienze della Terra (anche dal geomagnetismo classico) sia per approccio metodologico e strumentale, sia per i temi di ricerca e le finalità scientifiche.

Obiettivi essenziali dell’attività di ricerca

  1. paleomagnetismo applicato alla geodinamica ed alla tettonica: comprensione dei meccanismi geodinamici in aree a deformazione complessa e diffusa e delle modalità di evoluzione e sviluppo di catene montuose arcuate tramite dati paleomagnetici e di anisotropia magnetica, con particolare riguardo alla regione Mediterranea.
  2. paleomagnetismo e magnetostratigrafia: datazione accurata di eventi geologici, tettonici, climatici e biologici e stima dei tassi di evoluzione di tali eventi; analisi dei caratteri del campo magnetico terrestre su scala di tempo secolare e geologica (studio della variazione secolare, delle variazioni di intensità e delle inversioni del campo magnetico terrestre).
  3. magnetismo ambientale e magnetismo delle rocce: riconoscimento delle variazioni nella composizione, concentrazione, granulometria e forma dei minerali magnetici in una successione rocciosa ed analisi delle relazioni con le variazioni ambientali e climatiche, identificazione di ciclicità nelle proprietà magnetiche dei sedimenti e relazioni con processi ambientali ed astronomici. Proprietà magnetiche delle polveri sottili atmosferiche ed applicazioni allo studio dell’inquinamento.
Torna SU