1/4
RETE SISMICA NAZIONALE CENTRALIZZATA

L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia svolge da molti anni il compito di sorveglianza sismica del territorio nazionale attraverso una rete di sensori collegati in tempo reale al centro di acquisizione dati di Roma. Lo scopo di tale rete è duplice: la comunicazione tempestiva agli organi di Protezione Civile dei dati relativi alla localizzazione e all'entità di ogni evento sismico e la produzione di informazioni scientifiche di base (localizzazione ipocentrale, meccanismo focale, magnitudo) per una migliore conoscenza dei fenomeni sismici, con particolare riguardo alla comprensione dei processi simogenetici della penisola. 
 

La Rete Sismica Nazionale Centralizzata (RSNC) è stata potenziata nel corso degli anni fino al raggiungimento della configurazione attuale che è di circa 90 stazioni sismiche di cui 4 tridirezionali dotate di sensori verticali a corto periodo (S13 Teledyne Geotech)

I segnali rilevati dalle stazioni sono telemetrati mediante linee telefoniche dedicate o mediante pontiradio militari in un unico centro di acquisizione situato a Roma nella sede dell'INGV.

pagina 1 - 2 - 3 - 4

torna all'indice della RSNC

a cura di Rita Di Giovambattista e Patrizia Battelli