Il terremoto di Massa Martana del 12 maggio 1997
Il 12 Maggio 1997 alle 13:50 GMT un terremoto di
Ml = 4.6-4.7 (MedNet), corrispondente al VI-VII MCS si è verificato in prossimita di Massa Martana (Latitudine = 42 46.12N, Longitudine = 12 32.93E profondità = 6 km).

Le stazioni della Rete Sismica Nazionale e delle reti regionali di Umbria, Marche ed Abruzzo hanno registrato la scossa principale permettendo la determinazione del meccanismo focale con le polarità dei primi arrivi (strike = 175, dip = 40 e rake = -70) indicante un estensioe circa WSW-ENE.

Nei successive 14 giorni sono stati registrate più di 100 repliche di magnitudo compresa tra 1.3 e 3.5. L'attività sismica è poi rapidamente diminuita.

Una rete sismica temporanea di 14 stazioni a 3 componenti è stata installata dal 13 al 25 maggio dall'Istututo Nazionale di Geofisica, dalla Regione Umbria e dal Servizio Sismico Nazionale. La rete (figura 1) copre un'area piuttosto vasta tra Foligno verso NW, a Terni verso S ad Orvieto ad E.

Le localizzazioni ipocentrali delle repliche hanno errori parametrici molto bassi, meno di 1 km, both sia in orizzontale che in verticale (figura 2 e sezioni), ma non identificano con chiarezza un piano di faglia.

Le repliche si localizzano sotto i Monti Martani a E- SE del paese di Massa Martana a profondità principalmente comprese trai 4 e gli 8 km. Il cluster principale è allungato in direzione Appenninica e un piccolo gruppo verso sud sembra definire una piccola struttura in direzione perpendicolare.


per ulteriori informazioni rivolgersi alla dott. Lucia Margheriti
torna all'indice degli esperimenti
torna all'indice
degli esperimenti