Il terremoto delle Isole Kurili del 15/11/2006

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia comunica che in data 15/11/2006, alle 11:14 GMT, le stazioni della Rete Sismica Nazionale hanno registrato un forte evento sismico di magnitudo pari a 7.9.

L’evento è avvenuto in mare, al largo delle Isole Kurili.

Le coordinate epicentrali risultano 46.68 Nord, 153.22 Est. La profondità è stata stimata in circa 30 km.


La forme d’onda dell’evento registrata alla stazione sismometrica di Castello Tesino in provincia di Trento. La registrazione si prolunga per circa 20 minuti.


clicca sull'immagine per ingrandirla


Mappa dell’area interessata dal fenomeno e epicentro dell’evento.
(fonte: USGS)



clicca sull'immagine per ingrandirla


La sismicità dell’area risulta di livello assai elevato.





clicca sull'immagine per ingrandirla


Il fenomeno predominante è quello della subduzione della placca pacifica nei riguardi della placca eurasiatica come viene evidenziato dalla rappresentazione dei meccanismi focali.
(fonte: USGS)


clicca sull'immagine per ingrandirla


Simulazione numerica dello tsunami
(a cura di S. Lorito e A. Piatanesi)
Sono rappresentate le altezze massime (simulate) raggiunte dopo 5 e dopo 24 ore di propagazione dallo tsunami generato dal terremoto del 15/11/2006.









Le simulazioni mostrano altezze massime di circa 40cm sulle coste nord-orientali del Giappone, compatibili con le altezze attese.












La figura successiva mostra infatti una delle allerte tsunami lanciate dalla Japan Meteorological Agency.




clicca sulle immagini per ingrandirle

ALTEZZE MASSIME RAGGIUNTE DOPO 5 ORE DI PROPAGAZIONE
clicca per scaricare (avi 2.7 Mb)
ALTEZZE MASSIME RAGGIUNTE DOPO 24 ORE DI PROPAGAZIONE
clicca per scaricare (avi compresso 9.4 Mb)
clicca per scaricare (avi 62.8Mb)
ALLERTA TSUNAMI PER LE COSTE DEL GIAPPONE

pagina a cura di Patrizia Battelli - Centro Nazionale Terremoti - aggiornata al 22/11/2006

back to pagine informative sui terremoti rilevanti nel mondo
back to oggi in primo piano
back to INGV homepage