Istituto Nazionale di Geofisica
 
 

Il Terremoto di Taiwan del 20 settembre 1999

Informazioni generali - L'epicentro - Inquadramento sismotettonico - Le registrazioni della Rete Sismica Nazionale Centralizzata

Per saperne di più

Un disastroso terremoto di MS=7.6 si è verificato nell'isola di Taiwan, a sud della Cina.
L'USGS, il Centro Dati che controlla la sismicità mondiale, ha localizzato l'evento a circa 50 km ad ovest-sud ovest di Hua-lien, (150 km sud-sud ovest della capitale, Taipei) alle ore 17:47 GMT.

L'evento principale è stato seguito da numerose repliche, di cui due di forte il 22 settembre, con epicentro a 200 chilometri dalla capitale.
Il bilancio ufficiale, ma provvisorio, parla di 1.712 morti, 4.000 feriti e 3.000 persone ancora intrappolate sotto le macerie. Più di 210 persone sono date invece per disperse.
Non è ancora stata fatta una stima dei danni che sono comunque ingenti. Secondo alcuni si aggirano intorno ai 3,2 miliardi di dollari (circa 6.000 miliardi di lire).


 

La stella gialla indica l'epicentro del terremoto del 20 settembre, fornito dal U.S. Geological Survey.

Parametri ipocentrali
latitudine=23.781 +/- 7.7
longitudine=121.090 +/- 9.0
profondità=33.0

Taiwan è situata in una zona di collisione tra la placca del Mare delle Filippine e la placca Euroasiatica.
Questa zona è caratterizzata da un alto rischio sismico. Nella figura seguente è riportata la sismicità della zona dal 1997 ad oggi.

La Rete Sismica Nazionale Centralizzata dell'Istituto Nazionale di Geofisica ha registrato l'evento sismico che si
è verificato il 20 settembre  alle ore 17:47 GMT nell'isola di Taiwan.

Registrazioni della Rete Sismica Nazionale Centralizzata
(bollettino sismico preliminare)

I segnali sismici registrati sono stati analizzati per determinare i tempi di arrivo delle fasi sismiche alle varie stazioni e quindi procedere alla stima delle coordinate ipocentrali e della magnitudo dell'evento.

Mediante algoritmi  i tempi di arrivo delle onde sismiche  alle  stazioni sono determinati in forma automatica in circa 10 minuti e sono  inviati  ai centri dati internazionali i quali provvedono ad integrare i dati ricevuti dalle reti sismiche delle diverse nazioni e a diffondere quindi i principali parametrici sismologici, quali localizzazione ipocentrale e magnitudo dell'evento. L'integrazione dei dati delle diverse reti sismiche è estremamente importante in quanto,  per determinare con precisione le coordinate ipocentrali di un evento  si devono conoscere i tempi di arrivo delle onde sismiche a stazioni  distribuite intorno all'epicentro.

Stazione
Data
Fase
Tempo 
(GMT)
LCI 920 EZP 17594667
PTCC 920 EZP 17594723
BRT 920 EZP 17594902
FVI 920 EZP 17594980
TRI 920 EZP 17594999
GE9 920 EZP 17595070
LT9 920 EZP 17595152
ORI 920 EZP 17595172
RGNG 920 EZP 17595304
CA9 920 EZP 17595504
TDS 920 EZP 17595605
CTI 920 EZP 17595605
FG4 920 EZP 17595645
FG5 920 EZP 17595738
SGO 920 EZP 17595770
FB9 920 EZP 17595792
CPI2 920 EZP 17595796
SL9 920 EZP 17595802
GRI 920 EZP 17595826
VTB1 920 EZP 17595844
SMB1 920 EZP 17595858
ARV 920 DIZP 17595852
BR9 920 EZP 17595879
RVI2 920 EZP 17595898
SNTG 920 DIZP 17595934
BAI2 920 EZP 17595957
AQU 920 EZP 17595961
NRCA 920 EZP 17595995
MU9 920 EZP 17595990
PQ9 920 EZP 18000026
SDI 920 EZP 18000041
SAL 920 EZP 18000054
SOI 920 EZP 18000081
CI9 920 EZP 18000139
ASS 920 EZP 18000135
CRE 920 EZP 18000147
SFI 920 EZP 18000161
PSB1 920 EZP 18000162
PGD 920 DIZP 18000218
MNS 920 EZP 18000218
CRVI 920 EZP 18000211
MAB1 920 EZP 18000221
RNI2 920 EZP 18000269
GU9 920 EZP 18000424
CSNT 920 EZP 18000420
SA1 920 EZP 18000435
EB9 920 EZP 18000432
ZC9 920 EZP 18000449
VAI 920 EZP 18000485
BDI 920 EZP 18000533
GIB 920 EZP 18000623
RFI 920 EZP 18000659
AU9 920 EZP 18000685
GRFL 920 EZP 18000736
BS9 920 EZP 18000862
RDP 920 EZP 18000975
PII 920 EZP 18001050
MNO 920 EZP 18001232
MCGN 920 EZP 18001253
BOB 920 EZP 18001253
BNI 920 EZP 18001309
MEU 920 EZP 18001322
CS9 920 EZP 18001581
PZI 920 EZP 18001620
CKI 920 EZP 18001842
DOI 920 EZP 18002026
ERC 920 EZP 18002399

Per saperne di più

Links con altri siti sul terremoto

FAQ

a cura di:
 Rita Di Giovambattista - Patrizia Battelli - Alessandro Marchetti - Luigino Piccolini


 

Torna a INGV-ROMA