Istituto Nazionale di Geofisica
 
 

Il Terremoto della Turchia del 12 novembre 1999
 
 


Comunicato dell'Istituto Nazionale di Geofisica

Alle ore 18:00 (italiane) del giorno 12/11/1999 le stazioni della Rete Sismica Nazionale dell'Istituto Nazionale di Geofisica  hanno registrato un terremoto di elevata magnitudo (MS 7.3), localizzato in Turchia nella Anatolia Settentrionale. Le coordinate epicentrali preliminari risultano 40.8 latitudine Nord, 31.1 longitudine Est. La stima preliminare della profondità focale è prossima ai 10 km.
L'epicentro è stato localizzato a circa 70 km ad est della città di Adapazari, a 110 km  dall'epicentro della forte scossa del 17 agosto 1999, ben nota per aver causato numerose vittime ed ingenti danni.

Questo forte terremoto ha nuovamente colpito la zona della Anatolia settentrionale. L'energia rilasciata durante l'evento è leggermente inferiore a quella del terremoto del 17 agosto 1999 (MS 7.8), risultando circa di cinque volte più piccola. L'evento di ieri è quindi avvenuto lungo un segmento di faglia appartenente anch'esso alla struttura sismogenetica dell'Anatolia (Faglia Nord-Anatolica), che si estende da est ad ovest (dal Caucaso al Mar di Marmara) per più di 1200 chilometri. La faglia Nord-Anatolica e' infatti suddivisa in numerosi segmenti, ciascuno dei quali e' in grado di generare forti terremoti. Negli ultimi sessanta anni (1939-1999) l'intera struttura sismogenetica ha prodotto eventi sismici, i piu' forti dei quali sono avvenuti nel 1939, 1943 e nell'agosto di quest'anno.

La struttura sismogenetica Nord-Anatolica è da un punto di vista tettonico simile alla ben nota faglia di San Andreas in California. I più forte evento sismico lungo la struttura Nord-Anatolica è avvenuto nel dicembre del 1939 nella zona di Erzincan, M=7.9, che causò oltre 30.000 vittime. Nel 1967 vi fu un terremoto di magnitudo 7.1 che provocò gravissimi danni e che fu causato dall'attivazione di un segmento della faglia anatolica appena ad est dell'area colpita dall'evento del 17 agosto e a sud di quella dell'evento di ieri.
Nonostante in questa zona negli ultimi 60 anni si è potuto osservare un fenomeno di migrazione della forte sismicità da est verso ovest (dal terremoto del 1939, i terremoti del 1942, 1943, 1944, 1957, 1967 si sono verificati lungo segmenti contigui), l'evento attuale si è verificato ad est dell'ultimo terremoto forte (17 agosto 1999) verosimilmente lungo una struttura parallela nella zona compresa tra Adapazari, Bolu e  Göynuk. Anche il terremoto di ieri ha comunque colpito un'area ben nota come zona sismica attiva.



La Rete Sismica Nazionale Centralizzata dell'Istituto Nazionale di Geofisica ha registrato l'evento sismico che si è verificato il 12 novembre in Turchia.

Registrazioni della Rete Sismica Nazionale Centralizzata
(bollettino sismico preliminare)

I segnali sismici registrati sono stati analizzati per determinare i tempi di arrivo delle fasi sismiche alle varie stazioni e quindi procedere alla stima delle coordinate ipocentrali e della magnitudo dell'evento.

Mediante algoritmi  i tempi di arrivo delle onde sismiche  alle  stazioni sono determinati in forma automatica in circa 10 minuti e sono  inviati  ai centri dati internazionali i quali provvedono ad integrare i dati ricevuti dalle reti sismiche delle diverse nazioni e a diffondere quindi i principali parametrici sismologici, quali localizzazione ipocentrale e magnitudo dell'evento. L'integrazione dei dati delle diverse reti sismiche è estremamente importante in quanto,  per determinare con precisione le coordinate ipocentrali di un evento  si devono conoscere i tempi di arrivo delle onde sismiche a stazioni  distribuite intorno all'epicentro.

Stazione 
Data
 
Fase
Tempo
(GMT)
LCI 1112 C IZP
16594513
LT9 1112 C IZP
16595788
ORI 1112 C IZP
17000316
TDS 1112 C IZP
17000503
GRI 1112 C IZP
17000638
RGNG 1112 C IZP
17000986
SL9 1112 C IZP
17001081
MU9 1112 C IZP
17001144
FG4 1112 C IZP
17001144
SOI 1112 C IZP
17001185
SGO 1112 C IZP
17001387
FG5 1112 C IZP
17001422
MO9 1112 C IZP
17001593
CI9 1112 C IZP
17001616
MSI 1112 EZP
17001751
PSB1 1112 C IZP
17001829
VTB1 1112 EZP
17002049
BAI2 1112 EZP
17002108
MAB1 1112 EZP
17002168
CRVI 1112 EZP
17002333
CPI2 1112 EZP
17002330
AU9 1112 EZP
17002336
RNI2 1112 EZP
17002558
RVI2 1112 EZP
17002664
PZI 1112 EZP
17002673
RFI 1112 EZP
17002696
MNO 1112 EZP
17002721
MEU 1112 EZP
17002747
SDI 1112 C IZP
17002826
CS9 1112 EZP
17003236
PQ9 1112 EZP
17003251
AQU 1112 EZP
17003274
GIB 1112 EZP
17003335
TRI 1112 EZP
17003447
NRCA 1112 C IZP
17003544
SNTG 1112 C IZP
17003689
ARV 1112 C IZP
17003717
FB9 1112 C IZP
17003914
USI 1112 C IZP
17003927
MNS 1112 EZP
17003976
ASS 1112 C IZP
17004028
PTCC 1112 C IZP
17004112
RDP 1112 C IZP
17004184
FAVR 1112 EZP
17004206
FVI 1112 C IZP
17004696
CRE 1112 EZP
17004796
BS9 1112 EZP
17004818
SFI 1112 EZP
17004882
LVI 1112 EZP
17005149
CSNT 1112 C IZP
17005315
CTI 1112 C IZP
17005358
GRFL 1112 C IZP
17005602
PTS 1112 EZP
17005827
ZC9 1112 C IZP
17005842
BDI 1112 EZP
17010011
PII 1112 C IZP
17010063
GU9 1112 C IZP
17010122


 


Torna a INGV-Roma